giovedì 24 ottobre 2013

Pasta panna... questa non si mangia!

L'anno scorso al Florence Creativity, oltre alla fettuccia e alla rete, acquistai presso uno degli stand un materiale che mi incuriosì parecchio: la "PASTA PANNA". 

pasta panna 65gr
http://www.funforall.it/italiano/pastapanna.htm

La pasta panna è una pasta da modellare molto leggera e dalla consistenza molto morbida di colore bianco. Sono stati diversi i fattori che hanno scaturito la mia curiosità e che mi hanno indotto ad acquistarla:
1- si può colorare utilizzando tutti i colori a base d'acqua come: evidenziatori, pennarelli, colori per dita, tempere, acrilici...;
2- la colorazione può avvenire sia prima che dopo l'asciugatura;
3- è estremamente soffice: appena l'ho vista mi è venuto in mente di realizzare dei marshmallowos (come quelli del portafoto che vi mostrerò alla fine del post) perché ha la stessa consistenza;
4- si asciuga all'aria in poco tempo ed i vari pezzi possono essere assemblati con colla vinilica;
5- è possibile riutilizzarla dopo averla idratata. Se è parzialmente secca, vaporizzare dell'acqua e modellarla. Se è completamente secca, bagnarla e lasciarla in un contenitore per 3-4 giorni. 
6- se è conservata in un contenitore a chiusura ermetica dura tantissimo. Io ce l'ho da quasi un anno e non si è seccata per niente. 
7- può essere lavorata anche dai bambini di età superiore ai 36 mesi. 

Dopo questo elenco di pregi purtroppo vi devo dire anche i limiti che ho trovato nell'uso di questo prodotto. Primo fra tutti la colorazione. Sono rimasta delusa da questo punto di vista perchè pensavo di poter fare qualsiasi tonalità, invece riesce a prendere solo i colori pastello. Per intenderci: ho provato a colorarla con della tempera nera, ma il colore finale che ho ottenuto era un grigino smorto. Quindi i colori scuri e quelli accesi sono out.
Inoltre anche i soggetti che si possono realizzare sono piuttosto limitati proprio a causa della consistenza del materiale. Si possono fare caramelle, angioletti, dolcetti o al massimo si possono usare gli stampini di silicone, ma l'effetto ottenuto è molto diverso rispetto a tutte le altre paste che ho provato. Bisogna trovare l'applicazione giusta, altrimenti non rende. 

Questo è quello che ho realizzato (per adesso): 


Spero di poter partecipare anche quest'anno al Florence Creativity per scoprire altre novità da condividere sul blog.