venerdì 2 agosto 2013

Cottura del fimo e simili

In questo post vi descriverò quali sono le possibili modalità di cottura del fimo, cernit e paste polimeriche in generale. 


1) Il metodo classico (suggerito anche sul panetto del fimo) è la cottura in forno a 110-120° per un periodo che va dai 15 ai 30 minuti, a seconda delle dimensioni dell'oggetto. Gli oggetti da cuocere si possono mettere sulla teglia del fornetto ricoperta da carta da forno. Quando la cottura è ultimata, conservare le creazioni per un paio di minuti nel forno spento con lo sportello aperto. E' consigliabile utilizzare un fornetto apposito per la cottura degli oggetti realizzati, diverso da quello usato per la cottura degli alimenti.

2) Poiché non tutti hanno a disposizione un forno apposito da utilizzare per la creazione di oggetti in fimo, un'altro metodo è la cottura a bagno maria. La tecnica è pratica e semplice. L'occorrente è: 
- un pentolino;
- una vaschetta di alluminio con coperchio;
In un pentolino si fa bollire dell'acqua. Sul contenitore di alluminio si dispongono gli oggetti da cuocere. Quando l'acqua bolle poggiare la vaschetta sul pentolino (ovviamente la vaschetta non deve essere nè troppo piccola, nè troppo grande rispetto al pentolino) e far cuocere per 15-20 minuti con il coperchio. Controllare di tanto in tanto. 


In entrambi i casi per verificare la cottura, segnare leggermente l'oggetto con l'unghia: se l'incisione rimane vuol dire che l'oggetto non è ancora del tutto cotto, se l'incisione scompare abbiamo raggiunto il risultato desiderato. Inizialmente, dopo la cottura, la consistenza del fimo è gommosa ma, dopo essersi raffreddato qualche minuto, si indurisce.

Non c'è grossa differenza tra gli oggetti cotti in forno e quelli cotti a bagno maria.